… Come un mantra … going on

Amo tanto leggere e amo tantissimo i libri. Nella mia casa romana ne ero circondata e mi piaceva rientrare ed essere avvolta dal loro calore e dalla loro presenza. Ne ho tantissimi e sono una compratrice compulsiva e gelosa. Non li presto con facilità, preferisco regalarli piuttosto. Quando ci siamo trasferiti in Australia ho dovuto lasciarne la maggior parte in un magazzino. Climatizzato, si … però ho fatto tanta fatica a separarmene e ho paura che possano rovinarsi. Anni fa, una amica, in circostanze analoghe, aveva stilato una lista di amici cari, distribuito a ciascuno (me compresa)  una ventina di libri così che potessero avere una casa accogliente e una vita anche sua assenza, e li aveva poi ripresi, una volta rientrata a Roma. Io non ci sono riuscita. Troppo gelosa … ho avuto paura di perderli, ma un pò me ne pento.

Ne ho portati con noi una cinquantina, più quelli che ho cominciato ad accumulare downunder. Per quanto mi renda conto di non poter comprare troppo, non riesco a convertirmi all’ebook, nemmeno parzialmente. Ammiro chi ci riesce, ma io ho bisogno della carta. Non riesco a scindere il libro dal suo peso fisico, dalla sua forma, dalla sua personalità, dalla sua bellezza, dalla sua diversità rispetto agli altri libri, dal suo odore specifico, dai segni che ne lascio, dalle pieghe che ne restano, dagli appunti che prendo. Poi, quando lo rivedo al suo posto, nella mia libreria, mi ricordo di lui, di quello che facevo mentre lo leggevo, di quello che sentivo. E se qualcuno lo sfoglia, ci trova dentro tracce di me. Fiori, pezzetti di carta, appunti, sottolineature, la mia grafia. Solo, ogni tanto, in macchina, ascolto un audiolibro con mio marito e i bambini. È completamente un altro tipo di emozione, ma mi rilassa e ci diverte tutti.
Per riprendere il post di Marina di qualche tempo fa, ho pensato di proporvi tre libri, sperando di solleticare la vostra curiosità.

LE DEE DENTRO LA DONNA

Chi mi conosce sa quanto io sia una cultrice di tutto quello che ci hanno lasciato i greci antichi. Filosofia, teatro, saggi, miti, matematica. Trovo che abbiano approfondito ogni aspetto dell’animo umano. E trovo che lo abbiano fatto in maniera sapiente, rispettosa, onesta e cogliendo ogni sfumatura. Soprattutto trovo che il loro pensiero sia estremamente moderno e valido anche nella nostra epoca e questo saggio lo dimostra in modo chiaro e assolutamente naturale.
A scrivere è Jean Shinoda Bolen, psichiatra, psicoterapeuta e analista junghiana. Nel libro si propone di analizzare le tipologie caratteriali femminili, attraverso gli archetipi delle antiche divinità greche. Dentro ogni donna c’è un pezzetto di ogni dea, ma solo una o due prevalgono nel carattere. I miti e le divinità diventano un importante strumento di comprensione. Di noi stesse e delle altre donne, delle nostre ferite, delle nostre reazioni e della nostra struttura interiore.

Quando una donna viene a sapere che c’è una dimensione mitica in ciò che sta facendo, quella conoscenza sollecita e ispira centri profondamente creativi. I miti evocano sentimento e immaginazione e toccano temi che fanno parte del retaggio umano collettivo.

È un libro che affronta in maniera acuta, intelligente temi grandi che riguardano tutti. Della stessa autrice vi consiglio anche Gli dei dentro l’uomo.

COLLANA DI LIBRETTI FILOSOFICI PER GRANDI E PICCINI


Oscar Benifier (filosofo) e Jacques Despres (illustratore e scultore) hanno dato vita a una brillante raccolta di riflessioni filosofiche. Insieme hanno escogitato un modo molto carino di approcciare la filosofia, di porsi gli interrogativi che sono di ogni essere umano e darsi qualche risposta, o forse rimanere con le domade. Chè le risposte possono essere molteplici, possono cambiare nel corso della vita e, molto spesso, possono anche coesistere in maniera contraddittoria.

Il concetto di Dio
Il libro dell’amore e dell’amicizia
Il senso della vita
Il libro dei grandi contrari psicologici
Il libro dei grandi contrari filosofici

Ogni titolo racchiude un potenziale di discussione che non basterebbe una vita ad approfondire. Sono le grandi domande dell’uomo, i grandi argomenti. Eppure la semplicità del loro approccio, ci ricorda quanto la consapevolezza spirituale sia molto più a portata di quello che immaginiamo.

PERSONE NORMALI

L’ultimo mio consiglio è un romanzo moderno, uscito da poco. Probabilmente il più conosciuto dei libri che vi ho proposto.
È un libro godibile, una storia d’amore tra persone normali, come recita anche il titolo.
Quello che mi ha molto colpito di questo testo, è l’eta dell’autrice. Sally Rooney ha 28 anni e questo è il suo secondo libro pubblicato da Einaudi. È veramente ben scritto e c’è un approfondimento per nulla banale dei sentimenti umani, considerata la sua giovane età. Per uno dei miei esami universitari avevo studiato La morte di Danton e Woyzec, due opere teatrali che mi hanno sempre affascinato per profondità e scrittura. Entrambe le ha scritte Georg Büchner, morto a soli 24 anni. L’idea che persone così giovani possano concepire opere così complete, mi colpisce sempre, in ogni forma d’arte o pensiero. Non dico che Sally Rooney raggiunga le altezze di Büchner, ma Persone Normali è un libro che merita di essere letto. E sarebbe un bellissimo film. Ne sono certa.

12 thoughts on “… Come un mantra … going on”

  1. Devo dire che quando incominci a leggere Manuela non puoi smettere per fare altro devi continuare per sapere poi cosa dice e cosa racconta……. un libro da leggere in un sol fiato.

    1. 😂😂😂 Solo la prima volta!
      Poi mi hai rassicurata 😂😂
      Comunque mentre scrivevo il
      Post, mi immaginavo questo tuo commento 😂😂😂♥️♥️♥️♥️♥️

  2. Bell’articolo, Manuela! Sono colpita soprattutto da questa collana di filosofia e etica per grandi e piccolI: devo procurarmela assolutamente.
    I tuoi consigli di lettura sono più che consigli, sono inviti ad amare i libri e le buone letture!

  3. Ciao Manu, credo che i libri per te hanno un’anima e che oltre a farti vivere il loro racconto, ti raccontano la storia della tua vita tvb 😘

  4. Libri e parole che mi hanno toccato l’anima.
    Il senso di come manca roma ad una persona espatriata mi ricorda le parole di mio figlio, a soli 24 anni vive in California da 4, insieme alla giovane moglie americana; e anche a lui mancano la storia ed i monumenti e le strade di questa stupenda nostra città.
    Di libri, tanti, “Persone normali” l’ultima lettura comune.
    Trovato per caso questo blog può diventare un mio appuntamento fisso

    1. Grazie di cuore per questo commento!
      Sono molto felice che tu ci abbia trovate e spero che vorrai continuare a leggerci!
      Grazie!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *